Frutta secca, un toccasana per il cuore da “usare” con moderazione

Tradizionalmente protagonista assoluta delle ancora lontane festività natalizie, la frutta secca rappresenta anche un ingrediente fondamentale di ogni happy hours che si rispetti. Spesso però la troviamo anche inserita come spuntino o ingrediente aggiunto alle insalate nell’ambito di particolari regimi dietetici. Questo avviene perchè la frutta secca, in virtù del suo contenuto di grassi buoni, è un vero toccasana per la salute del cuore, a patto però di essere consumata in quantità moderate.

Ma facciamo un passo indietro: dal punto di vista nutrizionale esiste infatti una distinzione tra frutta secca lipidica e frutta secca glucidica. Al primo gruppo, ricco di grassi e povero di zuccheri, appartengono sia frutti che semi e legumi (noci, nocciole, anacardi, arachidi, pinoli), al secondo, ricco di zuccheri e meno ricco di grassi, appartiene la frutta che in genere consumiamo fresca (prugne, mele, banane, una, mango, pere, cocco, datteri, ananas, albicocche). Ad avere un’azione benefica sull’organismo è soprattutto la frutta secca lipidica.

Infatti, nonostante il suo contenuto di grassi sia elevatissimo e si aggiri in una percentuale compresa fra il 50 e il 75%, con un apporto calorico pari a 500 calorie per 100 grammi e a fronte di un effetto saziante piuttosto basso, i grassi contenuti nella frutta secca lipidica sono soprattutto mono e polinsaturi (le noci ad esempio contengono acido alfa linolenico, un acido grasso essenziale appartenente alla famiglia degli omega 3), motivo per cui alcuni nutrizionisti ritengono che il suo consumo costante riduca del 50% l’insorgenza di malattie cardiovascolari.

Inoltre la frutta secca lipidica contiene proteine, vitamine (soprattutto vitamina E) e sali minerali, pur non  rappresentandone una buona fonte alimentare, è sconsigliabile infatti consumarne più di 20 grammi al giorno, quantità che non consente l’adeguata assunzione di questi nutrienti.

La frutta secca glucidica, altrimenti detta frutta essiccata, è invece leggermente meno calorica (in media 200 calorie per 100 grammi di prodotto) e contiene elevate percentuali di fibre, zuccheri e  minerali.

Condividi l'articolo:

14 commenti su “Frutta secca, un toccasana per il cuore da “usare” con moderazione”

  1. I was very pleased to find this web-site.I wanted to thanks for your time for this wonderful read!! I definitely enjoying every little bit of it and I have you bookmarked to check out new stuff you blog post.

    Rispondi
  2. Woah! I’m really enjoying the template/theme of this blog. It’s simple, yet effective. A lot of times it’s very hard to get that “perfect balance” between usability and appearance. I must say you have done a excellent job with this. In addition, the blog loads very quick for me on Safari. Excellent Blog!

    Rispondi
  3. Good – I should certainly pronounce, impressed with your website. I had no trouble navigating through all the tabs as well as related information ended up being truly easy to do to access. I recently found what I hoped for before you know it at all. Reasonably unusual. Is likely to appreciate it for those who add forums or anything, web site theme . a tones way for your client to communicate. Nice task.

    Rispondi
  4. Hey this is somewhat of off topic but I was wondering if blogs use WYSIWYG editors or if you have to manually code with HTML. I’m starting a blog soon but have no coding expertise so I wanted to get advice from someone with experience. Any help would be greatly appreciated!

    Rispondi

Lascia un commento