Contro la cellulite aiutati con ciliegie, betulla e rosmarino

di Siry Commenta

Anche la cellulite (aimè) è più frequente nel sesso femminile  soprattutto in soggetti sedentari e dopo i 25-30 anni. A differenza della ritenzione idrica “pura”, nella cellulite, special­mente negli stadi più avanzati, la pelle presenta il classico aspetto “a buccia d’arancia” o «a ma­terasso», visibile a occhio nudo oppure esercitando una semplice manovra di pizzica­mento di cute e sottocute (per esempio a livel­lo della parte prossimale della coscia anteriore o esterna, appena al di sotto della sporgenza del femore). In questi casi rimuovere i ristagni di acqua non è sufficiente: occorre un’azione più profonda. Sei affetta da cellulite se ti ritrovi i almeno 3 dei seguenti disturbi:

  • Il tuo peso non varia in relazione al ciclo mestruale e tende a restare stabile o ad aumentare.
  • I fianchi si presentano gonfi e, a uno sguardo ravvicinato, con i contorni spesso ondulati.
  • la pelle presenta il tipico aspetto a buccia d’arancia specie quando viene “pizzicata” o nelle forme più avanzate, rivela dei buchini ben visibili a occhio nudo.
  • Il gonfiore si localizza tendenzialmente ai fianchi, ai glutei e all’interno delle cosce.
  • Alla palpazione in profondità si possono percepire come dei noduli duri irregolari.
  • Alla sera e quando fa caldo, anche le gambe, le ginocchia e le caviglie si gonfiano.

Per un’azione più decisa e profonda sugli accumuli di liquidi e scorie che provocano la cellulite assumi le gemme di frassino sotto forma di macerato glicemico in gocce: 90 gocce in una bottiglia da un litro e mezzo d’acqua minerale naturale da bere a sorsi durante la giornata, lontano dai pasti. Per potenziarne l’azione si può associare al frassino la betulla, anch’essa come macerato glicemico: 60 gocce da aggiungere alle precedenti nella bottiglia d’acqua. I macerati si trovano facilmente in farmacia o erboristeria.

I macerati glicerici di rosmarino, rusco e betulla, tramite il massaggio riescono ad agire anche negli strati profondi della cute attivando il metabolismo dei liquidi ed esercitando un’intensa azione rassodante e levigante sulla pelle, che appare così più elastica, compatta e tonica. Dieci gocce di ogni macerato vanno applicate sulla pelle umida con movimenti circolari, due volte al giorno, mattina e sera.

Per contrastare la tendenza dei tessuti sottocutanei ad accumulare cellulite, abituati a mangiare prima di pranzo un’insalata mista con un cetriolo tagliato a fette (drenante), foglie di cicoria (digestive, disintossicanti e delicatamente lassative) e una manciata di ciliegie (diuretiche), ma anche di altri frutti rossi antiossidanti, come ribes e lamponi. Condisci con il succo di un limone e pochissimo olio extravergine di oliva. Se proprio vuoi un effetto massimo per contrastare l’effetto buccia d’arancia, ai pasti bevi un infuso freddo di gambi di ciliegie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>