Gonfiore alle gambe, previenilo con la dieta giusta

 Le gambe gonfie sono un disturbo con il quale devono fare i conti quasi tutte le donne: stare sedute a lungo, o al contrario, stare in piedi per molto tempo, possono provocare un affaticamento alle gambe che, purtroppo, tende a peggiorare con il caldo, quando, a causa delle alte temperature, i liquidi si accumulano e il sangue venoso torna con fatica verso il cuore.

Gambe gonfie, i rimedi naturali per migliorare la circolazione

 L’estate porta con sé numerosi problemi, tra questi ci sono le gambe gonfie. Sentite gli arti inferiori pesanti, a volte vi formicolano e notate le caviglie e i piedi ingrossati? Purtroppo è un tipico problema circolatorio. Il calore, infatti, tende a dilatare le vene e a favorire il ristagno di liquidi, proprio alla base della circolazione linfatica.

Pungitopo per la cura delle gambe

 Molte donne soffrono di problemi di circolazione che si manifestano con gonfiore alle gambe, sensazione di estremo calore, ecc. Questi problemi sono maggiormente avvertiti nel periodo estivo ma anche il periodo invernale non esonera da tali problematiche. Per evitare di arrivare alla bella stagione con fastidiosi dolori o con sensazioni di disagio alle gambe, formicolio alle gambe, buccia d’arancia, ecc. sarebbe bene iniziare fin da adesso una prevenzione ai problemi di circolazione.

Tali problematiche sono spesso legate al sangue che tende a “ristagnare” nelle vene a causa di una perdita di tono dei vasi o ad un cattivo funzionamento delle valvole venose.  La tendenza è quella di darsi un gran da fare quando arriva la stagione estiva ma è necessario iniziare a curare le gambe per tempo altrimenti i benefici de vari trattamenti li potremo riscontrare in autunno quando le nostre gambe saranno ben coperte!

Le erbe che curano le gambe pesanti

Gambe pesanti e doloranti, caviglie gonfie e capillari dilatati sono disturbi tipicamente femminili che in questa stagione tornano a farsi sentire. Tutti questi disturbi sono segnali di una cattiva circolazione sanguigna che se trascurata può danneggiare le vene. Il sangue che ristagna negli arti inferiori provoca  infatti la dilatazione delle pareti venose e la comparsa delle cosiddette “varici”.

Fra le cause che provocano le varici ci sono soprappeso, vita sedentaria e fumo; ovviamente se notate nelle vostre gambe una vena “sospetta” è necessario consultare l’angiologo, ma se il disturbo è lieve oppure volete fare della prevenzione, potete ricorrere a farmaci a base di “bioflavonoidi”, cioè sostanze estratte da erbe mediche.

La cura a base di erbe si protrae, di solito, per circa due mesi e va ripetuta più volte durante l’anno, soprattutto quando il clima è caldo, perché in primavera e in estate le varici sono più soggette a gonfiori ed infiammazioni. Le erbe che combattono la formazione di varici e capillari vanno scelte e abbinate a seconda dei disturbi che si vogliono curare o prevenire.