Succo di cavolo, i benefici

Tra i tanti regimi alimentari che vengono pubblicizzati, soprattutto con l’avvicinarsi delle feste, quelli che prevedono l’inserimento del succo di cavolo sono sicuramente tra i più curiosi. Fermo restando che i centrifugati di frutta e verdura siano ottimali per l’organismo, cerchiamo di capire quali effetti ha questa bevanda sul nostro corpo.

Read more

Le diete più di moda nel 2014 e nel 2015

Le diete seguono le mode. In teoria non dovrebbe essere così, anzi in teoria ognuno di noi dovrebbe avere una dieta personalizzata e seguirla per lungo tempo al fine di perdere peso in modo armonico senza mandare in tilt il proprio metabolismo. Sappiamo bene, però, che non funziona realmente così, anche perché fa davvero molta più gola una promessa di rapido dimagrimento. Quali sono state quindi le tendenze?

Read more

Easy chou, integratore alimentare a base di cavolo

Il campo degli integratori alimentari è molto vasto e offre diverse soluzioni per le pù svarite esigenze: da chi vuole dimagrire a chi ha bisogno di un’integrazione di alcune sostanze nutritive. L’integratore del quale vogliamo parlarvi oggi è decisamente particolare: si chiama Easy Chou ed è, in pratica, una zuppa di cavolo in capsula; scopriamo meglio di cosa si tratta.

Read more

Cinque cibi che non devono mai mancare nella dieta

Sono 5 gli alimenti che non dovrebbero mai mancare nella nostra dieta se desideriamo conservare la salute il più a lungo possibile. Quali sono? Bulgur, ceci, semi di girasole, cavolo e spaghetti squash. La maggior parte delle persone, a una prima lettura, sarà convinta di conoscerne massimo 3 cibi su 5, ma non è vero e soprattutto non si tratta di prodotti difficili da reperire.

Read more

Ottimi brucia grassi: cardo e cavolo

Sicuramente il fegato è un organo centrale del metabolismo. E’ deputato alla trasformazione e all’immagazzinamento dei principi nutritivi (carboidrati, proteine e grassi) introdotti con la dieta, alla detossíficazione delle sostanze nocive e alla loro trasformazione in prodotti di scarto. Questi ultimi vengono poi immessi nella bile, attraverso la quale raggiungono l’intestino per essere eliminate. Tra i segnali iniziali di un sovraccarico del fegato possono esserci stanchezza, sonnolenza, sbadigli frequenti, pigrizia, umore depresso.

Il peso può essere normale (ma poco alla volta inizia ad aumentare) oppure si avverte un gonfiore diffuso. In seguito, si modifica l’attività intestinale, con alterazioni dell’aspetto delle feci o della frequenza delle evacuazioni (stipsi e/o diarrea, anche alternate). La pancia è tesa e dolente e può esserci steatosi (accumulo di grasso nel fegato), aumento del livello di cole­sterolo nel sangue, aumento delle transaminasi.

Read more