La dieta migliore dopo un infarto: i cibi da evitare

di AnnaMariaCantarella Commenta

L’infarto è una patologia che ogni anno colpisce duecentomila italiani e in un terzo dei casi si rivela fatale. Ecco perchè è importante imparare a mangiare cibi sani e salutari e, nel caso si sia da poco usciti da un infarto, adottare una dieta sana ed equilibrata, che prevede cibi cotti in modo leggero e con pochi grassi, tante verdure e frutta e nessun alcolico. E ovviamente niente fumo.

dieta post infarto

In generale, i cibi da evitare sono quelli che favoriscono l’aumento del colesterolo e dei trigliceridi, grassi o cucinati con metodi di cottura come la frittura. Ecco un elenco di cibi da evitare dopo l’infarto:

> BILL CLINTON HA SCELTO LA DIETA VEGANA DOPO L’INFARTO

  • Alimenti conservati sott’olio, cibi in scatola o in salamoia, alimenti precotti o preconfezionati, cibi da fast food
  • burro, margarina, strutto, lardo, pancetta, panna, yogurt e latte interi
  • salame e altri insaccati compresi i würstel
  • prodotti da forno confezionati,
  • fritture e cibi in pastella
  • condimenti salati come maionese, ketchup, salsa tipo soia, dadi ed estratti di carne
  • frutti troppo zuccherini come uva, fichi e cachi
  • bevande gassate e succhi di frutta confezionati
  • alcolici, superalcolici e altre bibite energizzanti. Concesse solo due tazzine di caffè al giorno.
  • Carne rossa, pane, crackers, grissini e altri prodotti da forno lievitati sono da evitare, consumare con attenzione ma non bandire.
  • Formaggi ad alto contenuto di grassi e sale (per esempio gorgonzola)
  • le uova ( concesse solo 2 alla settimana)

> DIETA A BASE DI FIBRE PER RIPRENDERSI DALL’INFARTO

Infine per riprendersi dopo un infarto è fondamentale mantenere il peso corporeo entro i limiti del peso forma e praticare attività fisica leggera con regolarità.