Una dieta con troppi grassi causa l’80% dei tumori al colon

di AnnaMariaCantarella Commenta

Un nuovo studio condotto dai ricercatori della Cleveland Clinic ha dimostrato una possibile correlazione tra un’alimentazione ricca di grassi e il tumore al colon-retto negli Stati Uniti. Il tumore del colon-retto è una patologia molto comune negli Stati Uniti, che colpisce più di 130 mila nuovi casi ogni anno. Secondo lo studio un’alimentazione poco equilibrata potrebbe essere la causa principale di queste malattie.

I LAMPONI NERI PREVENGONO IL CANCRO ALL’INTESTINO

Il gruppo di ricerca guidato dal dottor Justin Lathia e dal dottor Matthew Kalady ha effettuato un esperimento sui topi da laboratorio, ai quali sono state iniettate cellule collegate allo sviluppo dei tumori al colon. Poi i topi sono stati divisi in due gruppi: il primo è stato nutrito con una dieta ad alta percentuale di grassi, l’altro ha ricevuto una normale alimentazione. La scoperta dei ricercatori è stata che la dieta a base di grassi ha incrementato velocemente la crescita delle cellule cancerose.

QUANTO LA NOSTRA DIETA PUO’ INFLUENZARE L’INSORGERE DI TUMORI?

Dunque i risultati dello studio mostrerebbero che esiste una correlazione tra la crescita dei tumori e una dieta a base di grassi, che tende ad alimentare la crescita delle cellule anormali. In particolare, in America è stato documentato un aumento dei casi di tumore al colon-retto nelle persone sotto i 55 anni e il rischio di contrarre questa malattia aumenterebbe nei soggetti che sono abituati alla dieta tipica da fast food oppure ricca di alimenti molto grassi.

PREVENZIONE CANCRO AL COLON, IMPORTANTE ANCHE PER LE DONNE

Il tumore al colon-retto è il terzo più comune negli Stati Uniti ed è per questo che la ricerca pare aver raggiunto risultati rilevanti, che potrebbero essere utili per studiare trattamenti mirati capaci di bloccare questo processo ma potrebbero anche dare stumenti preventivi efficaci, come il controllo dell’alimentazione, per evitare del tutto l’insorgenza di questa patologia.